Cosmetica e Chemioterapia

La terapia oncologica per chi la vive è una esperienza globale nella quale il corpo riveste un ruolo centrale sotto diversi punti di vista.
Quando si è di fronte alla diagnosi di un tumore la mente è affollata da moltissimi pensieri e preoccupazioni. La guarigione della malattia è soltanto uno di questi perché l’impatto che le terapie hanno sul corpo, la pelle, capelli, unghie provoca molti timori.


Anche se possono sembrare problemi secondari talvolta sono addirittura sufficienti ad indurre una persona a non affrontare la terapia, inoltre sono la prova quotidiana per se stessi e per gli altri di una diversità che incide molto negativamente sulla vita delle persone già notevolmente coinvolte.

Cambiamenti cutanei

La cute è un organo molto coinvolto nelle terapie e soprattutto negli effetti collaterali di queste terapie, specialmente nelle nuove terapie biologiche (in cui il rush cutaneo è proprio indice dell’efficacia della terapia). L’elevata aggressività della chemioterapia e della radioterapia inducono notevoli cambiamenti cutanei, possono manifestarsi xerosi (estrema disidratazione), fibrosi (con alterazione estetica e funzionale della cute), radiodermatite (eritema, dolore, desquamazione) per arrivare in casi più gravi a ustioni, ulcerazioni. La terapia chemioterapica interferisce anche con il colorito della pelle con possibile insorgenza di macchie e iperpigmentazioni.
I cosmetici hanno sempre una funzione importantissima, ma per le persone in terapia oncologica hanno un valore in più.


L’obiettivo principale dell’intervento dermocosmetico per una pelle così delicata e sensibile diventa quello di cercare di ridurre i sintomi principali (disidratazione e irritazione), ripristinando l’idratazione dello strato corneo attraverso l’uso di prodotti cosmetici formulati con ingredienti emollienti e lenitivi. Durante il periodo delle terapie, e in alcuni casi durante il periodo di recupero, la pelle necessita di attenzioni particolari e quindi necessita di prodotti specifici.

L’uso di prodotti specifici può far si che la pelle possa, una volta interrotti i trattamenti, rinnovarsi in base al proprio ciclo di rinnovamento e permettere al paziente di ripristinare il proprio aspetto anche a partire da 4/6 settimane dall’ultimo trattamento.

Nella scelta del cosmetico si deve in primo luogo evitare alcune sostanze:
profumi, parabeni, diazolidinyl urea, dea, tea, oxybenzone, siliconi, glicoli, alcol, alluminio, borotalco, sulfati, triclosan, vitamina C (durante le terapie).

Pelle e terapie

I danni provocati dalla terapia chemioterapica purtroppo non possono essere evitati ma possono essere anticipati con tre parole chiave: detergere, lenire e proteggere. La tempestività è importantissima perché una volta che il danno è partito non è facile rallentarlo o arrestarlo.

La radioterapia provoca cambiamenti a livello cutaneo nel 90% dei casi, e questo è dovuto all’elevata aggressione delle radiazioni nei confronti di un tessuto che non riesce a rinnovarsi con la stessa velocità ed energia a seguito del trattamento stesso. Le reazioni si presentano nell’arco del primo mese di trattamento e si risolvono durante l’arco di un mese dopo la sospensione delle sedute. Sono necessari fino a tre mesi per raggiungere una completa risoluzione.

L’esposizione solare immediatamente prima e durante il ciclo di sedute di radioterapia è controindicata; si consiglia pertanto di attendere almeno 6 mesi dall’ultima seduta radiante prima di esporsi al sole.

On Therapy

La linea On Therapy è appositamente formulata per rispondere alle esigenze di una pelle fortemente stressata e sottoposta a terapie radio e chemioterapiche aggressive. Si compone di un set completo di prodotti composto da detergente, emolliente, emulsione lenitiva, una crema anti desquamazione e un deodorante.

Sono prodotti specificatamente formulati per essere utilizzati in presenza di xerosi, eruzioni maculo papulari (rush cutaneo), eritemi da irraggiamento, fotosensibilizzazione, o con problematiche dermatologiche da psoriasi e da dermatiti. Possono essere utilizzati anche in caso di (sindrome mano piede) e desquamazioni palmoplantari, oltre ad alterazioni delle unghie e ipercheratosi.

Ontherapy Detergente 

Una detersione per affinità è importantissima per mantenere lo strato idrolipidico senza danneggiare l’epidermide.
Il detergente emulsiona lo sporco asportando solo le impurità in superficie, svolgendo contemporanemente una funzione protettiva e normalizzante sulla pelle.

Ontherapy Lenitivo

La crema lenitiva aiuta a ripristinare la naturale barriera cutanea e alleviare i fastidi della pelle con problematiche dermatologiche a componente dolorosa.

Ontherapy Anti-Desquamazione

Ripara le zone desquamate con e senza componente pruriginosa. Ottima anche per il trattamento degli effetti secondari cutanei generati da patologie sistemiche autoimmuni quali diabete e malattie infiammatorie intestinali.

Ontherapy Emolliente 

Ottimo rimedio per la pelle secca o estremamente secca, idrata profondamente e ripristina la normale funzionalità del derma.  Come il precedente trova utilizzo anche in patologie sistemiche autoimmuni quali diabete e malattie infiammatorie intestinali.

Ontherapy Deodorante 

Prodotto estremamente delicato si può applicare in tutte le zone che danno cattivo odore (ascelle, piedi). Senza alcol e senza sali di alluminio consente il controllo dei cattivi odori senza spezzare l’equilibrio della pelle.

Per i pazienti sottoposti a terapie aggressive come la chemioterapia, così come soggetti affetti da patologie autoimmuni, è fondamentale utilizzare prodotti altamente specifici e non aggressivi che siano in grado di preservare e ripristinare la normale funzionalità dell'epidermide.

Dott.ssa Monica Marinari

Sitografia:

https://www.ontherapy.it/