Il doposole: amico della pelle

Dopo una giornata passata al mare o in piscina, la pelle ha bisogno di essere lenita e idratata. I raggi solari, la salsedine, la sabbia, il cloro e il sudore sono tutti agenti che portano la pelle ad arrossarsi e infiammarsi.

Il doposole è un prodotto ad azione nutriente e lenitiva, disponibile in diverse formulazioni, per adattarsi alle esigenze di vari tipi di pelle. Per essere efficace un buon doposole deve essere in grado di nutrire, decongestionare, rinfrescare e lenire la pelle arrossata. I prodotti doposole, inoltre, sono pensati appositamente per riparare i danni causati dai raggi UV e per limitare l’azione dei radicali liberi prevenendo così l'invecchiamento della pelle.

Il doposole quindi NON è una normale crema idratante.

Che cosa c’è nel doposole?

I principi attivi maggiormente impiegati nella composizione di un doposole sono il burro di karitè, l’allotoina, l’aloe vera, il pantenolo ed estratti vegetali ad azione lenitiva e rinfrescante. 

  • Burro di karité: estratto dai semi di una pianta tropicale africana, il Butyrospermum parkii, è ricco di vitamina A, D ed E, e stimola la circolazione dei capillari cutanei;

  • Allantoina: promuove la rapida proliferazione delle cellule accelerando la guarigione di piccole ferite e scottature leggere;

  • Aloe vera: grazie ai suoi principi attivi svolge un’azione antinfiammatoria, antipruriginosa e stimola le difese immunitarie della pelle;

  • Pantenolo: viene assorbito dalla pelle e metabolizzato in acido pantotenico o vitamina B5 che ha azione idratante e lenitiva.

Alcuni doposole contengono anche acido ialuronico o peptidi biomimetici, cioè frammenti di proteine sintetiche che agevolano la produzione di collagene nel tessuto e leniscono il dolore.

Perchè usarlo?

Il doposole aiuta a ristabilire le condizioni fisiologiche ottimali della pelle, tende a evitarne l'invecchiamento e previene o lenisce gli eritemi solari di lieve entità. 

Il doposole va applicato DOPO l'esposizione al sole: dopo aver fatto una doccia, sulla pelle pulita dal sudore e da residui salmastri o di altre creme che potrebbero ostacolarne l'assorbimento.

L’applicazione va ripetuta quando sentiamo la pelle di nuovo secca e sofferente.

Dr.ssa A. Sinigaglia

Fonti: https://www.saperesalute.it