Idropulsore

L’idropulsore, conosciuto anche come idrogetto o doccia dentale, è un apparecchio per l'igiene orale. Una corretta procedura di igiene dentale prevede prima il passaggio dello spazzolino, poi quello del filo interdentale o di uno scovolino ed infine l’uso dell’idropulsore per completare la pulizia.

Come funziona l’idropulsore?

L’idropulsore esercita un’azione pulente tramite un getto d’acqua che viene indirizzato lungo il solco gengivale e gli spazi interdentali per pulire anche tutte quelle zone dove lo spazzolino non riesce ad arrivare.

L’idropulsore pulisce delicatamente gli spazi interdentali per rimuovere i residui di cibo, in modo da evitare la formazione della carie. L’idropulsore non è certo paragonabile quanto ad efficacia al filo interdentale, che invece sfrega meccanicamente e funziona di conseguenza anche in caso di placca già formata. 

Alcuni modelli di idropulsore presenti in commercio sono dotati di una funzione che consiste nel produrre un getto d’acqua multiplo in modo da massaggiare le gengive per stimolare la circolazione sanguigna.

Prima di utilizzare l’idropulsore è importante regolare il getto e la pressione dell’acqua. In particolare in caso di gengive sensibili o infiammate non bisogna abusare di una forte pressione ed è preferibile usare acqua tiepida. 

Inoltre oltre che con semplice acqua, l’idropulsore può essere caricato anche con il collutorio per rinfrescare l’alito e combattere i batteri.

Chi può utilizzare l’idropulsore?

L’idropulsore è un ottimo alleato della pulizia quotidiana dei denti, nonché la scelta ideale per chiunque desideri migliorare la salute delle proprie gengive. È uno strumento particolarmente utile per pazienti con protesi fissa o apparecchi ortodontici.

Quando va utilizzato l’idropulsore?

Gli specialisti del settore odontoiatrico raccomandano di spazzolare i denti almeno due volte al giorno. Dopo lo spazzolamento, viene consigliato l’uso dell’idropulsore per un’elevata igiene gengivale e una pulizia mirata.

Dott.ssa Caterina Mariotti